Bancari in crisi, Motta: “Non c’è nulla da festeggiare”

Attualità, flash news, Notizie

 

“Non c’è nulla da festeggiare”. Così esordisce una nota della federazione autonoma bancari italiani, nel fare il bilancio di fine anno della categoria. “Il clima è pesante – afferma Gaetano Motta, segretario provinciale della Fabi – gli sportelli registrano sempre più folle di clientela inferocita per attese medie di un’ora e quaranta per effettuare operazioni”. Il sindacato di categoria chiede il rafforzamento degli organici del personale dipendente degli istituti di credito: “I consulenti, ovvero i cassieri – continua Motta – scarseggiano e le banche che hanno investito in strumenti tecnologici non danno risposte, risolvendosi in una mera riduzione di costi a scapito dell’occupazione piuttosto che nella creazione di valore aggiunto per i lavoratori e la clientela”. Il riferimento del sindacato è alla scadenza del nuovo contratto, previsto per il dicembre del prossimo anno. “Gli istituti di credito hanno dato spazio a nuove figure professionali – dice Motta – che non sono normate nel contratto collettivo di lavoro. Chiediamo, quindi, che ci siano opportunità di lavoro in più e non soltanto una contrazione di posti di lavoro celati dagli esuberi”. A proposito di esuberi, sono diverse le filiali di banche che in provincia sono state chiuse o che, come nel caso di Monte dei Paschi di Siena chiuderanno a breve. “E’ una situazione generalizzata – dice il segretari della Fabi – non semplice da gestire che richiede il massimo dello sforzo sindacale nei prossimi mesi”.

La federazione autonoma dei bancari avanza richieste a cominciare dal miglioramento delle relazioni interpersonali. “Giorno dopo giorno – dice Motta – si assiste agli spostamenti di personale di ogni ordine e grado, demansionamenti ed immotivate retrocessioni nel ruolo ricoperto, spesso accompagnate da carenze di rispetto nelle comunicazioni e da mancanza di formazione per l’assunzione di nuovi ruoli da ricoprire. L’assenza della formazione, tanto declamata e mai applicata, lascia i colleghi allo sbaraglio, con pesanti responsabilità sia sul piano personale sia disciplinare”.

 

Total Views: 443 ,

Comments

comments

Lascia un commento